Umberto Boccioni - Valutazioni e Quotazioni

Siamo interessati alle opere di Umberto Boccioni. 

Se vuoi ricevere la valutazione di un'opera di Boccioni o di una intera collezione, oppure conoscere le nostre modalità di vendita, non esitare a contattarci. Trovi i nostri recapiti nella sezione contatti, oppure clicca qui

Se vuoi conoscere le quotazioni delle opere di Umberto Boccioni, eccoti una guida semplice ed intuitiva


GUIDA ALLE QUOTAZIONI DELLE OPERE DI UMBERTO BOCCIONI

Boccioni è uno dei più importanti artisti del Novecento italiano ed Europeo. Muore molto giovane, nel 1916, quindi le opere presenti sul mercato sono molto poche e, le poche presenti, sono oggetto del contendere dei più grandi collezionisti di tutto il mondo. 
Come per gli altri artisti cui abbiamo dedicato una guida alle quotazioni, anche per Boccioni è indispensabile suddividere la sua produzione artistica in periodi e tecniche realizzative.
Umberto Boccioni ha realizzato dipinti (su tela e su tavola), disegni su carta, sculture ed opere grafiche. 
La sua produzione invece, può essere suddivisa temporalmente in due periodi: 
1) Periodo figurativo pre-futurista (fino al 1910 circa).
2) Periodo Futurista (dal 1911 in poi). 

PERIODO FIGURATIVO PRE-FUTURISTA - QUOTAZIONI

Il record per una tela di Boccioni di questo periodo è di 1.200.000 euro, cifra spesa da un collezionista per un ritratto del 1907 di 68x68 cm. 
Record a parte, un olio su tela o su tavola di Umberto Boccioni, realizzato nel suo periodo pre-futurista, può avere una valutazione ed essere venduto tra i 30.000 euro ed i 600.000 euro. 
Prima della sua adesione al Futurismo, Boccioni ha realizzato anche alcuni disegni, sicuramente più facili da reperire sul mercato rispetto alle tele o alle tavole. 
Il record per un disegno figurativo di Boccioni è di 160.000 euro, spesi per un pastello su carta di 100x70 cm.
In media un disegno di Boccioni può essere quotato e venduto sul mercato tra i 3.000 euro ed i 90.000 euro.
Boccioni è stato anche un apprezzatissimo incisore. Le sue opere grafiche, realizzate quasi tutte nel periodo figurativo, sono altrettanto rare quanto i disegni e gli oli su tela/tavola, ma ovviamente trattandosi pur sempre di opere realizzate in tiratura, hanno un valore meno elevato. 
Il record per un incisione di Umberto Boccioni è di 28.000 euro, cifra spesa per una splendida acquaforte (Lago con cigni, 1908). 
In media, le grafiche di Boccioni (siano esse Acquaforti, incisioni, puntasecche o litografie), possono essere valutate e vendute sul mercato tra i 300 euro ed i 10.000 euro.


PERIODO FUTURISTA - QUOTAZIONI

Il periodo Futurista di Umberto Boccioni è quello più ricercato dai collezionisti e, quindi, quello sicuramente più costoso e quotato. 
Durante il periodo di adesione Futurista Boccioni realizza dipinti ad olio su tela e tavola, disegni su carta, sculture e opere grafiche. 
Il record per un'opera di Boccioni del periodo futurista è stato raggiunto due anni fa, quando la famosa scultura Forme uniche della continuità nello spazio (per intenderci quella presente sulla moneta da 20 centesimi), è stata venduta per ben 14.500.000 euro. 
L'anno prima, nel 2018, un'altra opera di Boccioni aveva segnato un nuovo record, quando una tela di 60x60 cm del 1912 (Testa + luce + ambiente) fu venduta per 10 milioni di euro. 
Purtroppo lo storico delle vendite di dipinti futuristi di Boccioni è quasi inesistente, infatti le opere di questo periodo sono molto poche e rare, e le poche esistenti sono ormai quasi tutte nei musei. Non è difficile immaginare però che, proprio per questo motivo, qualora un dipinto di Boccioni futurista venisse inserito sul mercato, questo possa essere venduto almeno tra i 400.000 euro ed i 7.000.000 di euro. 
Per quel che riguarda i disegni futuristi di Boccioni, anche qui lo storico delle vendite è molto scarso, per gli stessi motivi evidenziati sopra. Ciononostante abbiamo più punti di riferimento ed è possibile essere più precisi.
Il record di vendita per un disegno futurista di Boccioni è 1.900.000 euro, cifra spesa per un disegno di 50x60 cm circa del 1913.
In media, un disegno di Boccioni del periodo futurista può essere quotato e venduto sul mercato tra i 20.000 euro ed i 500.000 euro.

Per quanto riguarda infine le opere grafiche realizzate da Boccioni nel periodo Futurista, di fatto lo storico delle sue vendite ci permette di conoscere solamente una litografia eseguita nel 1914, il cui valore e prezzo di vendita oscilla tra i 400 euro ed i 5.000 euro.